correre fa bene

Il benessere psicofisico con la corsa

Lo sport è sempre più indicato come un’attività irrinunciabile per tutti, indipendentemente dall’età e dalla vita giornaliera che ognuno di noi conduce abitualmente.
Superfluo puntualizzare che lo sport faccia bene quindi, più che altro potremmo discutere di più nello specifico: infatti un conto è giocare a pallone o a tennis, un altro conto è fare allenamento in palestra mediante l’utilizzo di pesi, e diverso è andare semplicemente a correre.
In questa sede parliamo della corsa.

La corsa ed i suoi benefici

Andare a correre è lo sport probabilmente meno impegnativo per gli sportivi occasionali o totalmente neofiti. La corsa infatti, sottolineo sempre in ambito non agonistico, è uno sport dove la tecnica di base può essere bypassata senza venir meno all’ottenimento dei benefici che essa porta al nostro benessere.
Innanzitutto coinvolge tutto il corpo, a meno di errori clamorosi nello stile, e soprattutto consente al cuore ed al sistema circolatorio di ottenere un ottima ossigenazione generale costante. La corsa infatti è uno sport aerobico, cioè fornisce all’organismo la giusta quantità di ossigeno da metabolizzare in un lasso di tempo prestabilito, che a sua volta coincide con il nostro allenamento. Non è per tutti uguale infatti la quantità di ossigeno assimilabile, dipende dalla capacità polmonare, muscolare, dall’allenamento, dall’età ecc. ecc.

La corsa può anche essere anaerobica, ma in questo caso si tratterebbe di fare un lavoro specifico sugli scatti con soste ad intervallo costante e prestabilito. Altri sistemi di allenamento consistono nell’alternanza fra fasi aerobiche ed anaerobiche, utili più che altro per preparazioni dal carattere agonistico.
Il nostro corpo, spiegando con un ipotesi “per assurdo” tipica più della matematica che dell’educazione fisica, si abitua facilmente ai nostri atteggiamenti.
Se noi stiamo 1 mese sdraiati, situazione peraltro tipica di alcune persone che devono rimanere in ospedale, il nostro organismo perderà in breve tempo tantissima tonicità muscolare, specialmente nelle gambe che vengono lasciate forzatamente in condizioni di ozio totale o quasi.

Viceversa se in 1 mese andiamo a correre 4 ore al giorno, la situazione sarà diametralmente opposta. Questo non è un consiglio, perché i benefici della corsa si ottengono con la dovuta moderazione tipica di tutte le cose, ma è atto a spiegare la risposta che il nostro corpo è in grado di dare agli stimoli esterni, comandati dal nostro cervello.

Riassumendo la corsa è principalmente aerobica, specie sulle lunghe distanze, ed offre benessere cardiocircolatorio e quindi generale, in quanto contribuisce ad una facile eliminazione delle tossine, residuo energetico delle nostre attività cellulari, perlopiù dovute all’alimentazione ed alla conseguente digestione.
E’ raccomandabile proprio a tutti, nessuno escluso.

Dove correre in Toscana

In Toscana, senz’altro bellissima come tutte le regioni del nostro bel paese, si può andare a correre un po’ ovunque, mi limito ad indicare i luoghi più suggestivi del territorio.

Le Mura di Lucca per esempio, la cui cerchia muraria è lunga 4 chilometri e 223 metri, che si tratta di un luogo dove l’inquinamento è quasi nullo.

L’acquedotto Mediceo, che collega Pisa al paese di Asciano, lungo 6 km.

Il parco delle Cascine di Firenze, che si estende per 160 ettari e per 3,5 km.

Lungo il fiume Arno.

I colli fiorentini, il cui percorso è lungo 8,05 km.

I bagni di Lucca, dalla lunghezza di 7,31 km

Ci sono molti altri percorsi dalle diverse peculiarità e difficoltà, ognuno può scegliere in base al proprio grado di allenamento ed alle proprie volontà.
Il percorso sulle Mura o il percorso al parco della Cascine sono più semplici, tenuto conto anche di un dislivello vicino allo zero, mentre il percorso sui colli fiorentini è senza dubbio più impegnativo.

La corsa e la salute

Come spiegato in precedenza, il beneficio della corsa nella salute è cardiocircolatorio e conseguentemente purificatorio. Andare a correre può sostituire tranquillamente una dieta terribile che ci siamo proposti per perdere qualche chilo, più che altro fatta esclusivamente di antipatiche privazioni neppure troppo salutari.
Lo stile di vita nello sport è quasi una conseguenza, non è una causa od uno “status quo”; per esperienza personale posso dire che quando devo rinunciare allo sport per motivi di lavoro od altri guai, finisco anche per mangiare troppo e male, quasi a compensazione di dispiaceri o altri sintomi nervosi; quando invece posso esercitare la mia attività fisica preferita anche l’alimentazione diventa più razionale e coerente con la salute.
Essendo onnivori dobbiamo mangiare tutto, carboidrati soprattutto, frutta e verdura, per le quantità la moderazione è importante, per casi specifici questa non è la sede in cui parlarne.

Conclusioni

In Toscana numerosi sono i posti dove potersi concedere una bella mattinata di jogging in tutta tranquillità: zone dove il traffico non esiste e si può “assaggiare” l’aria, sentendo i polmoni gonfiarsi ed i nostri nervi “sciogliersi”.
Ci si alza al mattino, quando il sole sorge, una buona colazione, brioche e cappuccino, nulla più, e dopo un piccolo riscaldamento si è pronti a dare il massimo.
La Toscana peraltro ha la stupefacente caratteristica di nascondere un pò ovunque degli agriturismo dove si mangia in modo divino, per cui prenotare una decina di giorni fatti di sport e sana alimentazione, potrebbe essere la panacea per i nostri propositi di benessere.

 

2

No Responses

Write a response