La pelle secca negli anziani: cause e rimedi

La pelle secca negli anziani: cause e rimedi

La pelle rappresenta senza dubbio il primo biglietto da visita di ogni persona in quanto racconta molto della propria salute e del benessere personale. L’idratazione costituisce dunque il primo elemento essenziale che non può mai mancare alla pelle. Tuttavia, man mano che si cresce e si diventa adulti, la pelle tende a mutare sensibilmente e il più delle volte diventa secca e disidratata.

L’invecchiamento cutaneo

Esistono due tipologie di invecchiamento cutaneo che colpiscono gli individui con l’avanzare degli anni: uno è quello fisiologico e l’altro è quello invece legato ad una eccessiva esposizione solare (chiamato anche foto-invecchiamento).

Nel primo caso si verifica una diminuzione delle operazioni della ghiandola sebacea che porta pertanto ad una diminuzione notevole della produzione di sebo. Producendo una quantità minore di sebo quindi, la cute appare decisamente più secca e poco nutrita.

Un altro aspetto che caratterizza l’invecchiamento a livello fisiologico è sicuramente una minore produzione di glicerolo. Quest’ultimo rappresenta una sostanza estremamente fondamentale per la pelle in quanto si occupa di portare l’acqua nei diversi strati cutanei. Senza di essa dunque la pelle non possiede la necessaria idratazione di cui avrebbe bisogno.

Un altro aspetto piuttosto comune che si verifica negli anziani è l’assottigliamento del derma, nel quale è depositata la maggior parte dell’acqua della pelle.

I rimedi per la pelle secca

Pertanto, per poter ovviare a questo problema, bisogna munirsi di prodotti decisamente idratanti dotati di proprietà emollienti in grado di lenire questo disturbo. Essi devono essere funzionali e soprattutto efficaci, per garantire il massimo comfort ed idratazione. I prodotti inoltre devono essere in grado anche di combattere rossore e il fastidioso prurito.

Queste condizioni si verificano quando la pelle è messa a dura prova a causa anche degli agenti esterni e di tutte le sostanze che si trovano nell’aria come ad esempio le sostanze inquinanti, i batteri oppure le tossine. Queste ultime tendono a rendere la cute notevolmente più secca rispetto alla norma: essa diventa quindi piuttosto sensibile, si irrita facilmente e provoca un forte prurito.

Quest’ultimo nella maggior parte dei casi diventa talmente insopportabile e fastidioso che può minare addirittura alla serenità dell’individuo, il quale può non riuscire più a eseguire le attività quotidiane normalmente.

Oltre a ciò anche la desquamazione cutanea rappresenta uno degli effetti più deleteri della patologia.

Per tale ragione è necessario intervenire il più presto possibile al fine di riuscire a curare questo disagio. È pertanto consigliabile adoperare dei prodotti emollienti specifici che possano ricostituire la barriera cutanea che è stata modificata da tutti questi fattori.

3

No Responses

Write a response